#Adrenalingua #07 | CIAO, 2020! Полная версия

«Quel pazzo scatenato di Ivan Urgant, talentuosissimo personaggio della tv ex-sovietica, figlio del protagonista di quel capolavoro che fu "Insalata russa", si fa beffa non tanto dell’Italia ma della folle insensata passione che i suoi connazionali hanno da sempre per la parte più trash del Belpaese. Il contributo dei Little Big e una squadra di autori, coreografi e costumisti con le contropalle ha dato vita a questo gioiello...».

https://m.youtube.com/watch?v=lYgu75EwuPo

«Quello che è fantastico è che ogni singolo attimo è realizzato con rigore e disciplina, talento e ironia... brani noti del peggiore pop russo riscritti in salsa trash italica e cantati da personaggi incredibili. (…) Persino i movimenti di macchina richiamano prima "Popcorn" e poi "Disco Ring", transitando per "Drive In" e "Non è la Rai": i ragazzi hanno studiato».

(Da un post su Facebook di Massimiliano Cividati)

Oltre alla tv italiana i ragazzi hanno studiato anche la nostra lingua, e messo in scena una singolare operazione linguistica (probabilmente senza esserne così consapevoli), perfetta per iniziare con leggerezza il nuovo anno.

Canzoni e gag sono piene di frasi nonsense — “Piango al tecno”, per esempio, oppure “Chiesi io al frassino” — o uscite grottesche in un italiano elementare: “Non mi sono divertito così tanto da quando ho perso l’innocenza a Sanremo l’anno scorso”.

La pronuncia e la distanza che separa italiano e russo fanno il resto. Il risultato merita secondo me la visione e una riflessione, fatta sempre con leggerezza, su quanto la lingua sia espressione di chi la parla.

🏓 + @MiroHQ + 📚 Lover · Product Owner @ReviewerCredits 💓 @lucad1 🧠 it.wikipedia.org/wiki/Luca_Dello_Iacovo · Avatar: Fairmont, Velora EP

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store